A MILO UN OMAGGIO A DALLA E BATTIATO

milo

Siamo in Sicilia, esattamente nel parco dell’Etna: esteso per quasi 60 mila ettari, circonda il vulcano attivo più alto d’Europa. Dopo aver percorso il saliscendi delle stradine impervie, mi fermo a Milo, una cittadina di un migliaio di abitanti nata meno di un secolo fa.

A questo piccolo paesino immerso tra il silenzio e il tuonare del vulcano, dobbiamo il passaggio di due grandi artisti italiani del nostro tempo: Franco Battiato e Lucio Dalla. Negli anni ’90, infatti, Battiato invita e convince Dalla a acquistare casa a Milo, vicino a Villa Grazia, dando vita a un sodalizio fatto di amicizia e condivisione di questo luogo incantato.

Milo è la cittadina dove i due artisti sono stati vicini di casa

Milo è una terrazza sul mar Ionio circondata dai boschi. Il Comune sorge a 800 metri dalle falde del vulcano, ai lati delle strade, la cenere scura ci ricorda la sua presenza imponente. Questo agosto, nella piazza centrale Belvedere “Giovanni d’Aragona”, è stata inaugurata l’opera in bronzo a grandezza naturale dei due artisti:Caro amico… e ti vengo a cercare”.

Un omaggio che vuole mettere in contatto i visitatori con i due cantautori, regalando loro un momento privato. Lucio Dalla è seduto al piano, intento a comporre una canzone, con lo sguardo rivolto al mare, al bellissimo Golfo di Taormina. Franco Battiato è in piedi di fronte a lui, con espressione meditativa, che in ascolto tende l’orecchio anche verso la voce profonda della montagna.

Un monumento che hanno voluto le istituzioni e i milesi in segno di riconoscimento verso i due artisti, scomparsi nell’ultimo decennio. I due hanno vissuto come vicini di casa, scegliendo Milo come loro città d’elezione. La scultura, la cui realizzazione è stata assegnata a Placido Calì, non ha uno scopo commemorativo, non vuole lo spettatore di fronte a due figure assenti da celebrare. Franco e Lucio superano, su quella terrazza, il confine tra terra e cielo, cantando per il luogo infinito dell’esistenza.

Dal mare alla montagna, il pianoforte li pone ancora una volta sul palco. Cantano i contrasti sociali, gli amori difficili, le inquietudini, la poesia, ci fanno ascoltare l’audacia dei loro brani. L’opera scultorea, realizzata presso la Fonderia Nolana a Nola (CE), pone i visitatori in contatto con quel contesto creativo che contraddistingue i due musicisti. Sono ancora lì, nell’intento di comporre in mezzo a quel paesaggio che li ha abbracciati e che tutt’ora, insieme alla comunità, li celebra con affetto.

Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.