FRUTTI BRUTTI: LO SPRECO DELL’INDUSTRIA ALIMENTARE

pere frutti

la faccia cattiva dell’apparenza

Il settore della frutticoltura deve combattere con le regole di bellezza imposte dal mercato. Tantissimi dei prodotti scartati e destinati al macero, infatti, sono considerati “frutti brutti”.

Mi spiego meglio: le caratteristiche a cui un prodotto deve rispondere, riguardano dimensioni standard, qualità organolettiche, colorazione della buccia, grado brix (percentuale di zuccheri presenti).

Come può un frutto rispondere a requisiti predefiniti quando la sua esistenza si basa sulla variabilità della natura? Le temperature crescenti impattano sulle siccità prolungate delle risorse idriche e danno vita a eventi metereologici estremi sempre più frequenti.

Secondo il Regolamento dell’UNECE (Commissione Economica delle Nazioni Unite per l’Europa) 428/2019, le arance devono avere un diametro minimo di 5,3 cm.

La buccia deve essere perfetta con difetti ridotti al minimo e la colorazione adeguata deve ricoprire i tre quarti della buccia (per la Categoria Extra).

Cosa succede a tutti i frutti che non raggiungono i requisiti minimi imposti dalle logiche di mercato?

Un terzo finisce nelle industrie di trasformazione per farne succhi e oli essenziali. Gli agricoltori però, lamentano un prezzo troppo basso, di contro gli industriali ricevono solo scarti. A guadagnarci sono i supermercati, dove non c’è traccia di ciò che accade nelle campagne.

I frutti sono tutti perfettamente uguali e quelli di cui manca la produzione, vengono importati dall’estero.

Facciamo un esempio: l’Emilia-Romagna, principale polo produttivo europeo di pere, ha perso, a causa delle grandinate, 6000 ettari su 28000 negli ultimi 15 anni.

Le superfici destinate alla coltivazione delle arance sono calate del 20%, a influire negativamente anche la crescente concorrenza del mercato estero, soprattutto quello spagnolo.

Infatti, mentre la Spagna aumenta la propria esportazione facendo economie di scala e conquistando i mercati mondiali, l’Italia subisce una filiera disaggregata incapace di valorizzare il proprio prodotto. In questo modo, patisce in casa la concorrenza delle arance iberiche.

Il 2021 è stato l’anno internazionale della frutta e della verdura dichiarato dall’Assemblea Generale dell’ONU. Una decisione, da una parte orientata a aumentare la consapevolezza dei consumatori sui benefici nutrizionali, dall’altra, a porre l’accento politico sulla riduzione di perdite e sprechi di questi prodotti.

Video della FAO sulle perdite e gli sprechi alimentari

L’associazione ambientalista Terra!, impegnata sul tema dell’agricoltura biologica, ha sottoposto un questionario alle principali catene di distribuzione italiane. Hanno risposto in sette.

Sareste disponibili a mettere a scaffale frutta non sempre perfetta esteticamente (di calibro piccolo, con ammaccature da grandine ecc) ma assolutamente ottima dal punto di vista organolettico?

Il 57% ha risposto: No, il consumatore non la comprerebbe.

Post Correlati

Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.