Scroll Top

La perfetta armonia. Poesie Sufi

poesie

Poesie del maestro Ibn ‘Arabî con le calligrafie di Hassan Massoudy

Nel bookshop dell’Alhambra di Granada vedo un libro che non posso non comprare, L’Harmonie Parfaite (La perfetta armonia) scritto dal poeta di origine andalusa Ibn ‘Arabî, considerato uno dei maggiori rappresentanti del Sufismo. Le poesie, edite da Albin Michel, sono scritte in arabo, tradotte in francese da Maurice Gloton e accompagnate dalle illustrazioni del calligrafo Hassan Massoudy. Questa pubblicazione presenta una selezione tratta dall’opera L’interprète des désirs (L’interprete dei desideri), dello stesso autore. Lo leggo utilizzando il cellulare che mi permette di tradurlo in maniera istantanea.

poesie

Ibn ‘Arabî, in seguito a un pellegrinaggio alla Mecca, racconta la folgorante esperienza d’amore spirituale suscitata da una ragazza iraniana. È lei che ispira i versi in cui emergono gli effetti dell’amore, spesso descritto con l’espressione tajallî: teofania, irradiazione.

Nelle poesie l’autore ci parla dell’Essenza divina e le sue infinite manifestazioni, raffigura questa donna emblematica come perfetta espressione dell’amore che assume molteplici forme. I fiori sorridono, la luna è piena, il vento è fresco. “Causato direttamente nell’individuo o attraverso la mediazione di altre persone, l’amore è un’aspirazione, un’energia, un impulso che attira l’intero essere verso la sua origine divina.” Commenta il traduttore nell’introduzione.

Credo nella religione

D’amore,

Ovunque siano dirette le sue carovane

Perché l’amore è la mia religione e la mia fede.

Troviamo anche scene di vita beduina, la nostalgia per il deserto tra le impronte dei cammelli e la partenza delle carovane. La natura accompagna i due amanti l’uno nella ricerca dell’altro in una sorta di viaggio spirituale e nomade che viene tracciato dagli eleganti e colorati segni calligrafici del maestro Massoudy. L’artista è nato a Najef, una città ritenuta sacra dal VII secolo, poiché ospita il mausoleo dell’Imam Ali, un luogo elevato dell’Islam sciita e meta di pellegrinaggio. Qui durante l’anno la città si trasforma grazie al teatro di strada. All’imbrunire grandi torce illuminano il cielo mentre i drappi colorati degli stendardi animano le strade. Davanti ai negozi vengono spiegati grandi tessuti neri, ricoperti di calligrafie bianche che trascrivono nomi di santi o poesie in loro omaggio.

Tutti gli abitanti partecipano e seduti su grandi tappeti, ripetono le canzoni improvvisate dai poeti. I calligrafi della città, professionisti o dilettanti, sono richiesti per narrare eventi storici, religiosi, ma anche compleanni. Non è solo qui che Massoudy incontra e si dedica all’arte calligrafica, cresce infatti, accanto a un laboratorio di incisione di lapidi per un cimitero formato da migliaia di piccole tombe a cupola. Nelle passeggiate con il padre, può orientarsi in mezzo alle tombe decorate dalle preziose calligrafie, grazie ai mausolei di terracotta blu disseminati qua e là.

Mi colpisce, in particolare, quando racconta della poesia digitale di cui era specialista suo zio: “È un genere popolare molto diffuso tra noi: le lettere hanno un’equivalenza in numeri come negli altri alfabeti mediterranei. Mio zio, per i grandi eventi come una nascita, un matrimonio, una morte o qualsiasi altro tributo verso qualcuno, componeva un verso che lodasse questa persona in modo tale che sommando i numeri rappresentati dalle lettere risultasse la data dell’evento. Da bambino, è stato magico scoprire questo segreto matematico dietro le parole poetiche.

Il calligrafo, secondo Massoudy, utilizza le parole per creare un’immagine così come fa il poeta. Il ritmo poetico suggerisce una musicalità alla quale aspira anche il calligrafo attraverso il movimento dinamico delle lettere. Due arti, quella del poeta e del calligrafo, che ci trasportano in luoghi lontani e ci fanno sognare grazie alla creatività che unisce le parole ai pigmenti colorati.Gestire i materiali per formare lettere in un modo nuovo e potente riflette la nostra volontà, la nostra forza morale e la nostra visione del mondo.”  HM.

Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.